Home Cronaca Bari San Paolo –  In 7 in 60mq, il nonno è positivo, in casa anche 2 minorenni
Bari San Paolo –  In 7 in 60mq, il nonno è positivo, in casa anche 2 minorenni

Bari San Paolo –  In 7 in 60mq, il nonno è positivo, in casa anche 2 minorenni

da Elvira Zammarano

Sette persone –  i due nonni, la bisnonna, marito e moglie e i figli minorenni di questi ultimi – tutti stipati in un appartamento del quartiere San Paolo di 60 m quadri, con un solo bagno. Una situazione già difficile in partenza, figuriamoci ora con l’attuale emergenza sanitaria.

Il nonno, un Covid accertato, si è sentito male per cui sono stati allertati i soccorsi. Ai medici la situazione è apparsa subito complicata, perchè gli occupanti del minuscolo appartamento, dovranno essere monitorati per capire se e come  svilupperanno la malattia.

Per Ludovico Abbaticchio, presidente nazionale del sindacato medici di base (Smi),  la prima cosa è stata quella di assistere e allontanare il contagiato per evitare la diffusione del virus al resto della famiglia. Anche se le probabilità di contrarlo, purtroppo, sono altissime.  “Situazioni come queste  – ha detto Abbaticchio – ce ne sono diverse in tutta Italia. È allora urgente trovare strutture, penso ad alberghi o caserme dismesse, per garantire la quarantena di persone che vivono in situazioni dove non viene garantito l’isolamento”. “Vengo a conoscenza ogni giorno di queste situazioni – continua il presidente  – dove gruppi di 5-8 persone vivono in pochi metri quadri e un solo bagno. In questo modo il contagio è assicurato”.

L’urgenza attuale, per Abbaticchio, è quella di evitare che persone che vivono in spazi così ristretti, possano trasmettere o incrementare la diffusione anche al di fuori del loro ambito. “Basta che una persona esca per andare a fare la spesa, magari è già contagiata ma asintomatica, e infetta altre persone. Questo è un problema enorme” e “se non viene individuata una soluzione rapida avremo grossi guai, soprattutto nelle periferie. Esplosione di contagi, aumento vertiginoso di ricoveri e la situazione non potrebbe essere più governata”.

Articoli correlati

Lascia un commento