Home Scuola Bari -In isolamento docenti di una scuola della provincia per un contatto COVID, la Ds li convocò post decreto per attività DaD
Bari -In isolamento un’intera scuola della provincia per un contatto COVID, la Ds convocò attività di formazione per la DaD, nonostante il DPCM

Bari -In isolamento docenti di una scuola della provincia per un contatto COVID, la Ds li convocò post decreto per attività DaD

da Elvira Zammarano

“Scuola e marketing, un binomio inaccettabile”, la riflessione di Carlo Castellana, vice segretario regionale della Gilda degli Insegnanti di BariDovranno rimanere in isolamento ancora altri due giorni (21 marzo), i docenti di una scuola della provincia di Bari convocati il 7 marzo dalla Ds – ovvero tre giorni dopo il DPCM del 4 – per un’attività di formazione sulla didattica a distanza. Si è scoperto infatti che l’intero comparto è venuto in contatto con una persona positiva al COVID 19. Per loro, dunque, si è reso inevitabile l’auto isolamento precauzionale. Un rischio che poteva (per buonsenso) e doveva (per decreto) essere evitato all’indomani del primo decreto Conte.

Ricordiamo che le attività di formazione in condizioni “normali” rientrano nel piano annuale delle ore funzionali all’insegnamento – calendarizzato inizio anno scolastico – e che sono obbligatorie per ogni docente. In condizioni normali, ma non in una situazione emergenziale e drammatica come quella che stiamo vivendo. In tal senso, si è subito mossa la Gilda con il suo coordinatore provinciale e vice coordinatore regionale, Carlo Castellana. Che, in una nota del 5 marzo, inviata a tutti i Dirigenti scolastici della provincia pugliese, all’USR Puglia e all’UST di Bari, faceva chiaro riferimento agli art. 28 e 29 CCNL 2006/09, in cui vengono specificati gli obblighi dei docenti in presenza a scuola.

Vale a dire, ha spiegato Castellana, “che durante i periodi di sospensione non ci sono obblighi di presenza o firma. Aggiungiamo che il senso dell’ordinanza per motivi sanitari è quello di evitare assembramenti, quindi, un eventuale collegio dei docenti straordinario, sarebbe contro la ratio che ha portato a questa decisione”.

“E anche opportuno rimarcare, che ogni decisione presa in sede collegiale con convocazione illegittima, è nulla”, ha detto ancora. “Inoltre – ha ribadito – la sospensione delle attività didattiche comporta non solo l’interruzione delle lezioni, ma anche delle attività funzionali all’insegnamento previste dall’articolo 29 – comma 3 – del CCNL 2006-09 della scuola”.

A fine nota, il coordinatore ha pure sottolineato che “il dirigente scolastico è responsabile in materia di tutela della salute dei lavoratori, come stabilito dal DM 382/98, e che costringere numerosi docenti ad ammassarsi in uno stesso ambiente chiuso, contravvenendo a quanto previsto nel citato DPCM, anziché tutelare, significa mettere a rischio la salute dei docenti dell’istituto”.

Pubblichiamo di seguito e per intero, la nota sindacale Gilda a firma del coordinatore Carlo Castellana

 

 

Bari -In isolamento un’intera scuola della provincia per un contatto COVID, la Ds convocò attività di formazione per la DaD, nonostante il DPCMBari -In isolamento un’intera scuola della provincia per un contatto COVID, la Ds convocò attività di formazione per la DaD, nonostante il DPCM

 

You may also like

Lascia un commento