Home Cronaca Altamura (BA)  – Produzione illegale di alcool, sequestrata fabbrica abusiva e 242 litri di prodotto
Altamura (BA)  - Produzione illegale di alcool, sequestrata fabbrica abusiva e 242 litri di prodotto

Altamura (BA)  – Produzione illegale di alcool, sequestrata fabbrica abusiva e 242 litri di prodotto

da Elvira Zammarano

Una vera e propria fabbrica clandestina per la produzione di alcool – completa di ogni apparecchiatura, perfettamente funzionante – è stata scoperta e sequestrata dalla Guardia di Finanza della Compagnia di Altamura, a conclusione di un’operazione di servizio, coordinata dal I Gruppo di Bari.

Le Fiamme Gialle da diverse settimane controllavano i movimenti di un 38 enne di Altamura, sospettato di fabbricare clandestinamente alcool e bevande alcoliche. L’uomo, già noto alle Forze dell’Ordine, per ricettazione, reati tributari, furto, appropriazione indebita e truffa, era stato notato più volte in una contrada di Altamura. Le attività investigative hanno dato ragione ai Finanzieri che acquisivano elementi tali da ritenere concreta l’esistenza di una fabbrica abusiva sita proprio nella contrada.

La successiva perquisizione ha effettivamente consentito ai militari di rinvenire all’interno del fabbricato diversa strumentazione adatta alla produzione di alcool: una caldaia costruita artigianalmente per la distillazione, collegata, mediante un tubo, ad una serpentina di raffreddamento, un deflemmatore o sistema di raffreddamento, un bruciatore posto sotto la caldaia alimentata da una bombola a gas, un contenitore in metallo nel quale confluiva acqua di raffreddamento proveniente da 3 cubotti in plastica trasparente della capacità di 1.000 litri cadauno, un termometro laser, un densimetro, un contenitore metallico della capacità di 200 litri e bottiglie contenenti complessivamente 242 litri di alcol di contrabbando, nonché altri recipienti con tappi e bombole di gas vuote.

Chiesta la documentazione relativa alle apparecchiature e le autorizzazioni amministrative previste dalla normativa, necessarie per la legittima produzione di alcool, l’uomo non è stato in grado di esibire alcun documento, né ha saputo attestare il legittimo possesso degli strumenti. Ricordiamo che la fabbricazione clandestina di alcol destinata alla produzione di bevande può essere estremamente pericolosa per la salute. Le impurità che si formano, di solito, nel processo di distillazione di vinacce e di acqua per ottenere la grappa e le sostanze che si formano durante l’ebollizione fino ad una certa temperatura, costituite da alcool metilico, aldeide ascetica e metanolo, se ingerite diventano estremamente tossiche. Senza contare l’ulteriore danno erariale e a tutte quelle imprese regolari che corrispondono allo Stato le imposte sul prodotto messo in commercio.

L’uomo è stato così denunciato all’Autorità giudiziaria per i reati di “Fabbricazione clandestina di alcool e di bevande alcoliche” e di “Sottrazione all’accertamento e al pagamento dell’accisa sull’alcool e sulle bevande alcoliche”, reati che prevedono la reclusione fino a tre anni e una multa non inferiore ai 7.746 euro.

You may also like

Lascia un commento