Home Cronaca Barletta (BT)- Amministrazione giudiziaria per la EDIL SA.MI S.a.s,  a rischio infiltrazioni mafiose
Amministrazione giudiziaria per la EDIL SA.MI S.a.s,  a rischio infiltrazioni mafiose

Barletta (BT)- Amministrazione giudiziaria per la EDIL SA.MI S.a.s,  a rischio infiltrazioni mafiose

da Elvira Zammarano

La ditta, specializzata in costruzioni di edifici residenziali, con sede legale a Barletta, in questi giorni, è stata raggiunta da un decreto di amministrazione giudiziaria, emesso dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Bari, eseguito dai carabinieri del Comando Provinciale di Bari. La complessa attività investigativa ha permesso di delineare un articolato quadro di situazioni e relazioni, che hanno portato l’Autorità Giudiziaria a ritenere concreto il rischio di infiltrazioni mafiose per la EDIL SA.MI S.a.s.

Il controllo giudiziario sui beni dell’azienda, stimato in circa 8 milioni di euro, costituito da fabbricati, terreni edificabili e quattro autovetture di grossa cilindrata, è stato disposto dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, in seguito alle indagini che hanno evidenziato un serie di parentele ed amicizie  degli organi sociali dell’azienda, con elementi di spicco del clan “Cannito-Lattanzio” di Barletta, con possibili gravi ricadute criminali nel tessuto socio economico della città.

In particolare, l’inchiesta ha messo in luce lo stretto legame con il 67enne pluripregiudicato e sorvegliato speciale, Savino Delvecchio, ritenuto il cassiere del clan. L’uomo già nel 2013, a seguito delle attività d’ndagini, svolte dal Nucleo Investigativo di Bari, fu raggiunto dal sequestro preventivo su un notevole patrimonio immobiliare societario, stimato intorno ai 52 milioni di euro.

Articoli correlati

Lascia un commento