Home Cronaca Bari- Quartiere Libertà, una fiaccolata per dire basta al degrado, venerdì 31 gennaio, alle 18
Bari- Quartiere Libertà, una fiaccolata per dire basta al degrado, venerdì 31 gennaio, alle 18

Bari- Quartiere Libertà, una fiaccolata per dire basta al degrado, venerdì 31 gennaio, alle 18

da Elvira Zammarano

Promotore dell’iniziativa il Movimento Riprendiamoci il Futuro che da anni si batte per ripristinare il decoro in uno dei quartieri più popolosi di Bari. Secondo Luigi Cipriani, segretario del Movimento, i residenti del “Libertà”, si sentirebbero abbandonati dalle istituzioni, in una condizione di grave precarietà. Nel suo comunicato, Cipriani, ha riassunto le rivendicazioni degli abitanti in diversi punti.

“Abbiamo pensato ad una fiaccolata che percorrerà le strade pincipali del quartiere – fa sapere il segretario – perché vogliamo che le istituzioni sappiano che siamo stanchi di subire questa situazione. È inevitabile, dobbiamo farlo – continua – anche per la petizione giunta al direttivo del movimento. Una petizione corposa, in cui i cittadini chiedono diverse cose che noi abbiamo riassunto in sette punti, inviati alla redazione di WideNews, che ringraziamo:

1 – Riapertura del poliambulatorio ASL di via Crisanzio chiuso per ristrutturazione e mai più riaperto;
2 – Riapertura nella sede del 1°Municipio, degli sportelli anagrafici e Amgas chiusi “selvaggiamente” tempo fa;
3 – Ripristino del Centro per anziani, quasi completamente distrutto, tanto da essere utilizzato solo da pochi. Intendo innanzitutto la riapertura degli spazi “scippati” e poi iniziative ludiche per gli ospiti del centro.
4 -No al fallimento di ulteriori attività economiche nel quartiere Libertà, ed in particolare di Via Manzoni, servono progetti che prevedano iniziative concrete per il rilancio delle attività commerciali del quartiere quali quelle culturali, pinacoteche all’aperto, eventi gastronomici, progetti con agenzie di navigazione per dirottare anche nelle vie commerciali del quartiere una parte dei tanti turisti che settimanalmente arrivano nel porto della nostra città ecc. ecc;
5 – Per Corso Mazzini: gravi ritardi per la riqualificazione ad area verde dell’ex Gasometro. Una volta ultimati i lavori vogliamo la garanzia sulla manutenzione continui considerata la nota fama di questa amministrazione di abbandonare i parchi sin dal giorno dopo la realizzazione (come ad esempio il parco Mimmo Bucci (e non è il solo) in totale stato di abbandono sin dal giorno dopo la “pomposa” inaugurazione;
6 – Recupero dell’Immobile storico ex Istituto Nautico (in totale stato di abbandono da quasi 20 anni);
7 – Nella ex Manifattura alcuni locali vengono occupati per ospitare gli uffici di Porta Futuro. Considerata l’inutilità di tali uffici qualcuno ci sa dire a cosa serve Porta Futuro? Quanti posti di lavoro ha realmente prodotto per i disoccupati Baresi da quanto è stata inaugurata? Considerata l’inutilità dei primi uffici, ora si lavora per realizzare finanche Porta Futuro 2 (vera giostra di illusioni per i disoccupati Baresi)”

“Inoltre, come più volte ribadito, ricordo che l’ex Manifattura, è dotata di ampi spazi che potrebbero ospitare tutti gli Assessorati, che ad oggi sono ubicati in appartamenti e/o immobili di proprietà di privati. Così si potrebbero risparmiare centinaia di migliaia di € (oltre 700 mila annui), oltre agli accorpamenti che renderebbero un servizio più proficuo alla cittadinanza. Ciò costituirebbe un volano per l’indotto del quartiere. Inoltre sempre nella ex Manifattura si potrebbe realizzare, attraverso un progetto interamente finanziato dalla U.E., la cittadella dell’artigianato, per formare gli artigiani del futuro. Giovani, non solo del quartiere Libertà, che potrebbero diventare sarto, calzolaio, piastrellista, carrozziere…mestieri redditizi, ma in via d’estinzione”.

Bari- Quartiere Libertà, una fiaccolata per dire basta al degrado, venerdì 31 gennaio, alle 18Bari- Quartiere Libertà, una fiaccolata per dire basta al degrado, venerdì 31 gennaio, alle 18

Articoli correlati

Lascia un commento