Home Cronaca Taranto – Operazione “Green Crimes”, utilizzavano cariche di esplosivo per la pesca, ai domiciliari 5 persone
aranto – Operazione “Green Crimes”, utilizzavano cariche di esplosivo per la pesca, ai domiciliari 5 persone4

Taranto – Operazione “Green Crimes”, utilizzavano cariche di esplosivo per la pesca, ai domiciliari 5 persone

da Elvira Zammarano

I militari della Guardia Costiera e del R.O.AN. Guardia di Finanza di Bari – Sezione Operativa Navale di Taranto – hanno arrestato, ai domiciliari, 5 pescatori tarantini,  per pesca di frodo con materiale esplosivo e per possibile spaccio di droga.

L’operazione “Tritone”, messa a segno questa stamattina, su disposizione del GIP di Taranto e coordinata dalla locale Procura, è stata realizzata in seguito al sequestro di 7 kg di materiale esplosivo -“ANFO” (Nitrato di Ammonio) e tritolo – nascosto nei pressi della banchina di ormeggio dei pescherecci della Taranto vecchia.

Le indagini, avviate un anno fa dalle Fiamme Gialle e dalla Capitaneria di Taranto, hanno consentito di ricostruire nel dettaglio l’attenta e complessa organizzazione che praticava pesca con esplosivi, nei mari del capoluogo ionico, con danni gravissimi per le biodiversità da tutelare.

Nel corso delle indagini, durate circa cinque mesi, sono stati sequestrati grossi quantitativi di pesce, la cui pesca illegale è stata anche certificata dai medici Veterinari ASL di Taranto.

I 5 pescatori arrestati, sono accusati di “ecoreati”, dall’“inquinamento ambientale” al “disastro ambientale” e per aver alterato, in modo significativo e quantificabile, l’equilibrio di un ecosistema ricco di biodiversità, certificato dall’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero/CNR.

aranto – Operazione “Green Crimes”, utilizzavano cariche di esplosivo per la pesca, ai domiciliari 5 persone4

 

Articoli correlati

Lascia un commento