Home Cronaca Otto anni di indagini ed un nulla di fatto, Amministratore condominiale barese, prosciolto dall’accusa di appropriazione indebita, “La mia vita distrutta”
amministratore condominio prosciolto

Otto anni di indagini ed un nulla di fatto, Amministratore condominiale barese, prosciolto dall’accusa di appropriazione indebita, “La mia vita distrutta”

da Elvira Zammarano

Salvatore Calvani, 51enne, Amministratore condominiale molto conosciuto a Bari,  per 8 lunghi anni è stato oggetto di pressanti indagini, perché accusato di aver sottratto dalle casse di un condominio che seguiva da tempo 146.538 euro, con l’aggravante di abuso di prestazione d’opera. Un processo per “ingiusto profitto” iniziato nel 2011 e conclusosi pochi giorni fa, con un proscioglimento e la fine della carriera professionale dell’uomo.

Calvani, dopo 11 anni durante i quali lo Stato non è riuscito ad accertare nulla a suo carico, ha dovuto chiudere lo studio, chiudere con il lavoro e, soprattutto, vedere stravolta l’intera sua esistenza. Settimana scorsa, finalmente, la sentenza di proscioglimento e la fine di un incubo per l’uomo. L’avvocato La Scala, il noto penalista pugliese, a cui l’uomo si era rivolto per la difesa, esprime soddisfazione, anche se non può fare a meno di sottolineare che 11 anni per chiudere una sentenza di proscioglimento sono tanti. Troppi.

“Nel frattempo – ha detto l’avvocato -, il mio assistito ha visto andare in pezzi, sotto i suoi occhi, la propria vita attraverso una lunga e dolorosa agonia esistenziale oltre che professionale”.

Articoli correlati

Lascia un commento