Home Costume e società Bari, IX edizione “Distinguished Gentleman’s Ride”, un motoraduno a sostegno della ricerca, perché contro il cancro si può

Bari, IX edizione “Distinguished Gentleman’s Ride”, un motoraduno a sostegno della ricerca, perché contro il cancro si può

da Avv. Cosimo Martino

Contro il cancro si può lottare, sostenendo la ricerca. Questo il fine della nona edizione del motoraduno “Distinguished Gentleman’s Ride”, svoltosi a Bari domenica 29 settembre. L’evento di Bari promosso dal Motoclub Coolriders asd, con partenza da piazza della Libertà, ha visto la partecipazione di centinaia di “centauri” provenienti da tutto il Mezzogiorno d’Italia per trascorrere una mattinata all’insegna di una “festosa solidarietà”.

Come ha spiegato il presidente del Motoclub promotore, Franco Terlizzi, il “messaggio che vogliamo veicolare è quello di un modello di motociclista elegante, ben vestito e soprattutto prudente sulla strada e che, su motociclette classiche e vintage, si colloca indubbiamente fuori dagli stereotipi di persone ‘sporche e cattive’ che infrangono le regole” Il Distinguished Gentleman’s Ride, sin dalla sua prima edizione, ha sempre ricevuto il pieno sostegno dell’amministrazione comunale, come confermato dall’assessore Pietro Petruzzelli e dalla presenza della consigliera Micaela Paparella.

Sin dalla prima edizione, nata nel 2012 a puro scopo goliardico, il successo fu enorme: 2.500 motociclisti in 64 città bastarono per spingere gli organizzatori a farne un evento di beneficenza. Già l’edizione successiva chiamò a sé ben 11mila motociclisti in oltre 250 città di 56 Nazioni con una raccolta di quasi 1,5 milioni di dollari; una popolarità che non ha smesso di crescere, tanto che nel 2019 hanno partecipato circa 100mila motociclisti in 110 nazioni, con un ricavato che sfiora i 5,00  milioni di dollari.

Scopo del motoraduno è, appunto, quello di raccogliere fondi per finanziare la ricerca scientifica per la lotta al tumore della prostata e, da quest’anno, l’evento a scopo benefico sostiene, altresì, lo sviluppo di programmi di assistenza psicologica per la prevenzione dei suicidi maschili; i fondi raccolti vengono devoluti a vari partners, tra i quali la Movember Foundation, la più grande organizzazione mondiale di andrologia.

Indubbiamente, a tale evento non poteva mancare Wide News per affermare con forza che tutti, ciascuno a proprio modo, siamo coinvolti nella lotta contro il male del secolo e che contro il cancro “si può”.

Articoli correlati

Lascia un commento