Home Cronaca Rangers d’Italia Puglia, strada Deserto (zona Stanic) sommersa da degrado e rifiuti tossici

Rangers d’Italia Puglia, strada Deserto (zona Stanic) sommersa da degrado e rifiuti tossici

da Elvira Zammarano

Strada Deserto, una traversa di via Buozzi, un sito in passato più volte segnalato dai Rangers d’Italia (Puglia) per il vistoso degrado in cui versava. A quanto pare la situazione non è molto cambiata perché, nel giro di perlustrazione di questa mattina, una pattuglia dei Rangers, in servizio operativo, si è trovata di fronte lo scenario ripreso in foto.

« In questi giorni – spiega il delegato tecnico regionale dei Rangers d’Italia (Puglia), Cristiano Scardia – siamo ritornati a perlustrare tutti quei siti attenzionati in precedenza. Stradella Deserto rientrava nella nostra mappatura. Lo scenario che si è presentato ai nostri occhi è quello che si vede nelle foto. Un mare di pneumatici accatastati, perlopiù bruciati e maleodoranti. Mentre io e il collega facevamo la raccolta dati si è avvicinato il proprietario di un’azienda che sta proprio in quella strada e che lamentava il continuo e indiscriminato abbandono di rifiuti in quell’area. Guardando con attenzione ci siamo poi resi conto che, con molta probabilità, l’area è stata già bonificata, poiché alcuni manufatti che ricordavo non c’erano più. La bruciatura dei pneumatici e quanto di più tossico possa esserci per l’ambiente e per noi. Si tratta di un rilascio continuo e costante di sostanze velenose che inquinano ogni cosa, dall’aria che respiriamo al terreno che coltiviamo. Intanto bruciare significa eliminare per far posto ad altra roba di cui ci si vuole disfare illecitamente. Tutto questo a discapito e a danno di noi cittadini».

 

Articoli correlati

1 comment

Avatar
Giovanni De Toma 1 Aprile 2019 - 18:40

Recentemente ho visitato alcuni paesi nella provincia di Bari, e sono rimasto piacevolmente colpito dallo stato delle strade, dalla pulizia dei muri, dalla cura degli abitanti per il proprio paese, dalla cordialità degli abitanti, dal senso di orgoglio col quale mi accompagnavano a scoprire i centri di interesse locali. E poi leggo queste notizie sulla nobile capitale della Regione: rifiuti tossici, degrado, vandalismi, sporcizia, violenza… Baresi, come potete permettere che un branco di bulli ignoranti e imbecilli faccia scempio della vostra città?

Rispondi

Lascia un commento